Con DGR n. 11-202 del 9 agosto 2019si fornisconoi seguenti indirizzi per l’applicazio ne delle percentuali previste per i cacciatori resi denti in altre regioni o all’estero, ivi compresi i cacci atori temporanei:

  • i cacciatori residenti in altre regioni o all’estero, ivi compresi i cacciatori temporanei, ammessi agli A.T.C. o C.A. nella precedente stagione venato ria ai sensi dell’art. 1 ("Conferma dell’ammissione”), possono essere confermati nella corrente stagione anche se la loro percentuale rispetto al totale dei cacciatori ammissibili supera i limiti fissati dall'articolo 12 comma 2;
  • in tal caso (superamento della citata percentuale), l'ATC e/o il CA non possono procedere ad ulteriori ammissioni fino a quando non vengano nuovamente rispettati i l limiti di cui sopra;
  • le domande di ammissione presentate ai sensi dell’art. 2 (“Domanda di ammissione”) dai cacciatori residenti in altre regioni o all’estero, ivi compresi i cacciatori temporanei, possono essere istruite e accolte da parte degli ATC e CA fino al raggiungimento del 5% dei cacciatori ammissibili per ogni ATC o CA o eventualmente  del 10% per i soli ATC che siano stati autorizzati  all’innalzamento della percentuale con la DGR n. 23 – 8588 del 22 marzo 2019;
  • di stabilire, alla luce di quanto sopra, che gli organismi di gestione degli ATC e CA possono, anche in deroga al termine fissato dall’articolo 1 della DGR n. 90-3600 del 19 marzo 2012 e ss.mm.ii, procedere alle conferme delle ammissioni dei cacciatori residenti in altre regioni o all’estero che, pur ammessi nelle precedenti stagioni venatorie, si erano visti rifiutare la conferma.

COLLARI ACUSTICI. FEDERCACCIA SCRIVE AL MINISTERO
Dopo la diffusione della circolare del ministero della Salute, Federazione Italiana della Caccia chiede indicazioni precise e la convocazione di un tavolo tecnico

Roma, 1 agosto 2019 - In merito alla circolare informativa diramata dal ministero della Salute in relazione ai collari acustici, che in queste ore ha destato un certo clamore fra i cacciatori, Federcaccia prima di pronunciarsi ha preferito raccogliere maggiori informazioni sugli apparati in questione.
Dalle informazioni raccolte viene confermato ciò che già era noto, ovvero che i collari acustici (i cosiddetti beeper) – almeno quelli distribuiti dalle principali aziende produttrici – rispettano già da molti anni quelle soglie indicate oggi dal parere tecnico emanato dal ministero della Salute, proprio al fine di tutelare il benessere dei nostri ausiliari.
Al momento non è chiaro quale sia lo scopo di quella nota. Anche se ci sentiamo di poter dire che una generale preoccupazione è quanto meno prematura, raccomandiamo a tutti gli utilizzatori di verificare le caratteristiche dei propri apparati e, nel caso di acquisto nell’immediato futuro, di farlo attraverso i canali ufficiali di vendita prestando attenzione alla rispondenza degli apparati ai limiti segnalati dal Ministero.
In ogni caso, essendo necessario che vengano definiti e fissati una volta per tutte i parametri a cui i produttori devono attenersi per evitare esternazioni dallo scopo non sempre chiaro che possono dare vita a interpretazioni del tutto personali sia agli addetti ai lavori che più in generale all’opinione pubblica e ad applicazioni non sempre corrette di norme di legge, Federcaccia ha provveduto a rivolgersi al ministero della Salute chiedendo un rapido chiarimento circa la destinazione d’uso della Circolare diffusa e invitandolo a convocare un tavolo di lavoro con i produttori e le associazioni di categoria.
Sarà cura e premura della Federazione informare i propri tesserati e i cacciatori di ogni ulteriore sviluppo.

Ufficio stampa Federazione Italiana della Caccia

Si comunica che venerdì scorso 5 luglio è stato deliberato dalla Giunta il c.v. 2019/20. Nella stesura sono state prese in considerazione alcune modifiche proposte da Federcaccia Piemonte. Per i dettagli e contenuti del testo attendere la pubblicazione ufficiale della D.G.R. Regionale.
Ufficio Stampa Fidc Piemonte.

Si comunica che in data odierna vi è stato un primo incontro tra il nuovo Assessore alla Caccia 
Marco Protopapa 
e il Ns. Presidente Regionale 
Giorgio Rondano. 
Oggetto dell'incontro naturalmente le tematiche di Settore che sono state trattate con interesse e fare costruttivo tra le parti. 
Un primo e positivo passo verso un'ampia e necessaria collaborazione tra Fidc Piemonte e l'Assessorato è stato quindi portato a termine.
Ufficio Stampa Fidc Piemonte
25 giugno 2019
 

Via libera dalla Regione alla caccia di selezione al capriolo

Ultime Notizie

Contatti

  • Via Mantova 21/d - 10153 Torino
  • +39 011 2482137
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Per inviare contenuti redazionali o immagini da pubblicare, scrivere a:
    Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • P. IVA 97524640014

I Nostri Social

    

Alcune Foto