Comunicati Stampa

 

 

 

Raccolta dei comunicati stampa Associativi di maggior rilievo.

 
Torino 28 ottobre 2022
Si comunica che il Settore Conservazione e Gestione Fauna selvatica e Acquicoltura Regione Piemonte ha precisato ufficialmente con nota che i Comitati di Gestione degli ATC e CA possono, per l’esercizio dell’attività con l'arco, predisporre specifico regolamento per la disciplina di tale mezzo per l’attività venatoria agli Ungulati.
 
********************************
 
Torino 21 ottobre 2022
Si comunica che tramite sentenza il TAR Piemonte ha accolto i motivi aggiunti di ricorso presentato da Federcaccia Piemonte contro l'ordinanza del Sindaco del Comune di Pinerolo che aveva imposto il divieto di caccia in località Costagrande per la corrente stagione venatoria. Il TAR ha invece respinto il ricorso proposto contro l'ordinanza relativa alla precedente stagione venatoria, ormai priva di effetti, ravvisando la sussistenza di una situazione di pericolo per l'incolumità pubblica al momento (ottobre 2021)della sua emanazione.
A questo punto l'attività venatoria può riprendere da oggi essendo stata annullata l'ordinanza del Sindaco che la inibiva.

 
*********************************
 
Si porta all'attenzione: con Ordinanza 47/2022 del Comune di Candia (TO) viene posto divieto, con decorrenza immediata, d'accesso a persone e automezzi nell'area denominata Paludetta e zona Traversaro percorso Natura Lago di Candia.
 
*********************************
 
 
Alcune delle molte domande in attesa di risposta, incertezze nelle disposizioni operative e quant'altro di necessario per fugare ogni ragionevole dubbio sulla partecipazione operativa dei nostri Cacciatori all'azione di depopolamento cinghiali affetti da PSA.
La Regione Piemonte, con Decreto del Presidente n. 15 del 15/3/2022, integrato da successivo Decreto n. 21 del 30/3/2022, ha regolamentato l’attività venatoria nei confronti della specie cinghiale per l'eradicazione della peste suina africana. Con D.G.R. 18.03.2022 risulta inoltre emesso il calendario venatorio per la caccia di selezione alla specie cinghiale.
Dopo un attento esame di tali provvedimenti, la scrivente Associazione esprime profonda perplessità e preoccupazione circa la concreta applicabilità della normativa in oggetto, sia in relazione alle modalità pratiche sia, aspetto ancor più grave e rilevante, con riguardo ai doveri e alle responsabilità dei cacciatori chiamati a svolgere la propria attività.
Il Punto 2.4 del D.P.G.R. 15.03.2022 prevede infatti (per la zona indenne distale A/4, cui appartiene, tra l’altro, il territorio della Città Metropolitana di Torino) il depopolamento del cinghiale a mezzo controllo effettuato anche nelle ore notturne con i relativi strumenti (lettera b), mentre tale modalità non pare autorizzata per la caccia di selezione (lettera c).
Il successivo punto 2.5, nel regolamentare il “tiro selettivo notturno” menziona tuttavia espressamente (terzo e quarto periodo) il prelievo effettuato da “cacciatore” e “in prelievo di selezione”.
A fronte di ciò risulta del tutto incerto, visto anche l’espresso richiamo a tali norme menzionato nel calendario per la specie cinghiale, se l’attività venatoria in caccia di selezione possa essere autorizzata e legittimamente svolta anche in orario notturno, con conseguenti dubbi e responsabilità rilevanti anche dal punto di vista assicurativo, che non possono certamente essere demandati agli enti di gestione né tanto meno ai singoli cacciatori.
Altrettanto prive di chiarezza e di concreta applicabilità risultano le rilevanti e complesse misure di biosicurezza menzionate nel provvedimento.
Il titolo del Punto 4 menziona infatti le “misure di biosicurezza da applicarsi durante le attività di depopolamento del cinghiale”, con ciò lasciando intendere un riferimento a tutte le modalità (controllo e caccia), mentre il successivo punto 4.1, a valere per le zone A/3 e A/4 menziona il solo controllo.
Anche sotto tale aspetto risulta inoltre omessa ogni specifica in ordine alle attività, peraltro di carattere sanitario e tecnico, non adeguatamente chiarite dal punto di vista operativo (in particolare in ordine alla gestione dei residui organici e alle modalità di disinfezione) e potenzialmente originanti contestazioni nei confronti degli operatori.
Al fine di consentire lo svolgimento dell’attività venatoria in piena sicurezza e in conformità alle complesse normative vigenti, auspichiamo pertanto che i competenti Uffici vogliano fornire con urgenza i necessari riscontri e chiarimenti in ordine alle tematiche sopra evidenziate.
 
 
 
 

comunicato 23 ottobre 2021 a

GIORGIO RONDANO, FEDERCACCIA PIEMONTE

Dal Nord al Sud della nostra penisola, continua il viaggio esplorativo e conoscitivo della realtà Federcaccia. E questa volta facciamo tappa in Piemonte, precisamente a Caminoin provincia di Alessandria, per una piacevole chiacchierata con il presidente regionale Giorgio Rondano. Tra i temi affrontati, le tradizioni venatorie della sua regione, la gestione e il ruolo che oggi, più che mai, ricoprono i cacciatori a tutela della biodiversità.

Da quanto tempo è presidente regionale Federcaccia? È il suo primo ruolo in ambito Fidc o ha ricoperto altre cariche in un recente passato? Da dove nasce il suo interesse per le “questioni venatorie”? Non mi riferisco solo all’ambito prettamente istituzionale.
Ricopro la carica di presidente regionale Federcaccia del Piemonte dall’aprile 2019. Ho iniziato in Federcaccia alla fine degli anni ’80 come consigliere della Sezione comunale di Casale Monferrato (Al), poi sono stato consigliere della Sezione provinciale di Alessandria ed infine segretario della stessa. Ho iniziato ad appassionarmi alla caccia in giovane età, quando, non ancora in possesso della licenza, seguivo mio nonno e mio padre durante le battute di caccia. Oggi caccio principalmente con il cane da ferma e pratico la caccia di selezione al capriolo e cinghiale e dal mio primo porto d’armi sono tesserato Federcaccia”.

Quali sono le tradizioni di caccia “regine” del territorio piemontese e quanto sono cambiate rispetto a un tempo? Si può affermare che sono ancora fortemente radicate?
La tradizione di caccia in Piemonte è basata principalmente alla stanziale. La lepre in primis, fagianopernici e starne per le zone in pianura, mentre per la Zona Alpi la fauna e avifauna tipica alpina costituiscono da sempre una inimitabile forma di caccia per pregio e caratteristiche del territorio”.

Come vive il suo doppio ruolo di massimo rappresentate regionale dei federcacciatori e di sindaco di Camino (Al)? Essere sindaco l’aiuta nel rapportarsi alle altre Istituzioni collegate alla caccia?
Il doppio ruolo di sindaco del Comune di Camino in provincia di Alessandria e di presidente regionale Federcaccia per il Piemonte hanno in comune l’essere prossimi ai cittadini/cacciatori. Ambedue i ruoli devono confrontarsi con i continui mutamenti demografici, climatici, economici e, non per ultimo, sanitari come in questo ultimo anno e mezzo”.

In molte parti d’Italia, Piemonte compreso, la diffusione del cinghiale sta creando molti disagi. Il 14 maggio scorso la Regione ha recepito la sentenza della Corte costituzionale e ha allargato il novero dei soggetti accreditati. Un buon segnale.
Occorre una revisione, una semplificazione e una maggiore organizzazione dell’attività di prelievo del cinghiale su linee guida condivise per tutte le province, che favoriscano maggiormente la caccia programmata. Quella sentenza a cui si riferisce, riguarda il controllo della specie in cui i nostri associati intervengono come soggetti attuatori se posseggono i requisiti richiesti, che è attività del tutto diversa dalla caccia regolamentata e limitata come da calendario venatorio. La caccia è sicuramente un’attività sostenibile a salvaguardia delle biodiversità e degli equilibri ambientali ed il cacciatore rappresenta sicuramente un’utilità sociale”.

La salvaguardia della biodiversità è ormai compito precipuo anche del cacciatore, come ci ha appena detto. Nelle risaie piemontesi sembra che l’ibis sacro, animale non certo autoctono, stia creando gravi danni alle altre specie. Qual è la posizione della Fidc Piemonte e, in caso venisse richiesto, sareste disponibili a collaborare per limitare il fenomeno?
Il ruolo decisionale su come e in che forma intervenire su qualsiasi specie problematica spetta per competenza agli organi provinciali su indicazioni dell’Ispra. Federcaccia è, come sempre, a disposizione nel fornire la necessaria assistenza ai propri associati durante le necessarie operazioni di controllo faunistico. Un problema sentito non solo in Piemonte ma in tutta Italia, che continua ad essere oggetto di discussione e di diatribe tra chi questi animali li vuole controllare e chi invece li vuole proteggere, pensando che l’ambiente sia rimasto quello delle foreste neolitiche.
Purtroppo l’uomo ha trasformato l’ambiente distruggendo e modificando la vegetazione naturale di intere regioni e solo grazie alla passione venatoria di nobili cacciatori – in Piemonte ricordiamo i Gonzaga e i Savoia – che alcuni ambienti sono rimasti pressoché inalterati. La gestione oculata fatta dal mondo venatorio ed in particolare da Federcaccia, da sempre ha permesso di governare in modo sostenibile la fauna selvatica, sia quella cacciabile che quella protetta, ma un mondo animalista integralista ha mutato gli equilibri: invece di inseguire i veri obbiettivi per migliorare l’ambiente ha riversato sui cacciatori tutte le sue forze, trovando nel mondo venatorio il capro espiatorio di tutti i mali dell’ambiente”.

Un intervento in coltivazioni di pregio come le risaie comporta una collaborazione con gli agricoltori. Come sono i rapporti con il mondo agricolo?
I rapporti con il mondo agricolo sono generalmente buoni, potrebbero essere maggiormente incentivati disponendo di una legislazione per il controllo più moderna e flessibile, per aver modo di rispondere al meglio alle esigenze del loro settore”.

Tra le iniziative di volontariato che portate avanti quali annoverate? E tra le campagne di sensibilizzazione? Mi riferisco ad esempio a quella condotta tra i mesi di maggio e giugno per la tutela dei piccoli di capriolo. Ci sono appuntamenti fieristici, sagre, eventi che rappresentano un vanto per il Piemonte venatorio?
Federcaccia Piemonte tramite le sue Sezioni comunali articola diverse attività di volontariato come giornate ecologiche, ripristino e mantenimento dei percorsi sul territorio, assistenza alla fauna selvatica in caso di difficoltà. Le campagne sono seguite e pubblicizzate tramite i canali web e social associativi regionali. Ad esclusione delle manifestazioni svolte alla Reggia di Venaria, non ci sono eventi di rilievo riguardanti la caccia in regione”.


Tratto da “Viaggio attraverso il Piemonte venatorio”, di Francesca DomenichiniCaccia & Tiro 7/2021.

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Oggetto: svolgimento dell’attività venatoria_ Integrazioni
Ad integrazione della comunicazione prot. n. 39425 del 9 dicembre 2020, su conforme precisazione del responsabile del Settore infrastrutture, territorio rurale, calamità naturali in agricoltura, caccia e pesca della Regione Piemonte le specie lì indicate devono
essere integrate da “daino” e “muflone”.
Si precisa altresì che il richiamo allo “stato di necessita” deve riguardare anche le Guardie venatorie volontarie.
Si rileva infine che le facoltà di cui sopra non esimono dal rigoroso rispetto delle previste misure di prevenzione del COVID-19, ivi incluse quelle da applicare nelle fasi di spostamento.
attiv venatorie integraz4 signed1 page 0001
---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Da domenica 17 gennaio viene ufficializzato l'ingresso del Piemonte in regime di stato sanitario ARANCIONE.
Per quanto riguarda le conseguenti possibilità operative di esercizio dell'attività venatoria rimandiamo gli associati a quanto comunicato già ieri nella ns. precedente comunicazione come da normativa vigente e note ufficiali esplicative regionali.
-------------------------------------------------------------------------------------------------------
Chiarimento: sabato 16 gennaio il Piemonte è ancora in zona sanitaria GIALLA, pertanto la caccia è praticabile come da calendario in tutto il territorio regionale. Eventuale cambiamento di colore sanitario dovrà essere determinato con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale probabilmente nella giornata di domani con effetto da domenica 17 gennaio. In caso di probabile passaggio in area ARANCIONE non si segnalano cambiamenti rispetto le precedenti disposizioni di esercizio d'attività, come caccia che può essere svolta da calendario esclusivamente nel territorio di propria residenza salvo la deroga negli spostamenti fra i Comuni già prevista per le feste natalizie e ora riconfermata per cui sono consentiti gli spostamenti dai Comuni con popolazione non superiore a 5mila abitanti e per una distanza non superiore a 30 chilometri dai relativi confini, con esclusione in ogni caso degli spostamenti verso i capoluoghi di provincia.
Si ricorda altresì che come da comunicazione regionale in area ARANCIONE è consentito al fine di limitare nonché mitigare il potenziale pericolo per la pubblica incolumità lo svolgimento dell’attività venatoria al di fuori del Comune di residenza/abitazione ed all’interno: - dell’Ambito Territoriale di Caccia o Comprensorio Alpino di residenza venatoria (ATC o CA in cui si è ritirato il tesserino venatorio);- dell’Azienda faunistica Venatoria o Agrituristico venatoria di appartenenza unicamente per le seguenti specie se ora cacciabili per i locali regolamenti: cinghiale, capriolo, cervo, cornacchia nera, cornacchia grigia, gazza, volpe.
-------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
Si comunica che la Giunta regionale in data odierna ha approvato:
- di stabilire, ad integrazione dell’allegato A della DGR n.19-1841 del 07 agosto 2020 ed in vista
del probabile passaggio della Regione Piemonte da zona arancione a zona gialla, di prorogare
l’attività venatoria alla specie cinghiale in forma programmata, relativa al primo periodo (20
settembre - 20 dicembre), sino al 31 gennaio 2021 in tutti gli Ambiti Territoriali di Caccia (ATC) e
Comprensori Alpini (CA) comprese le aziende agri-turistico-venatorie (AATV) e faunistico-venatorie
(AFV);
- di stabilire che i Comitati di gestione degli ATC e CA nonché i Concessionari delle AATV e AFV
che intendono recuperare le giornate di caccia al cinghiale in forma programmata perse durante i
periodi sopraindicati devono darne preventiva comunicazione al Settore Infrastrutture, territorio
rurale, calamità naturali in agricoltura, caccia e pesca, tramite posta certificata;
- di autorizzare, esclusivamente per la stagione venatoria 2020/2021, i Comprensori Alpini VCO1,
VCO2, VCO3, nel rispetto dell’arco di periodo concesso dal Calendario venatorio, di aumentare a
tre il numero delle giornate settimanali dedicate alla caccia di selezione agli ungulati con la
modalità B) in deroga alle disposizioni approvate con D.G.R. n. 94-3804 del 27 aprile 2012 s.m.i.;
- di stabilire che il presente provvedimento produce i suoi effetti il giorno successivo alla sua
approvazione, previa tempestiva comunicazione ad opera del Settore competente, anche tramite
pubblicazione sul sito istituzionale;
cordiali saluti
la segreteria
​ REGIONE PIEMONTE
Torino 11 dicembre 2020

 comunicato 10 dicembre 2020 page 0001

ATTENZIONE dalla data della seguente comunicazione si può esercitare la caccia a : cinghiale, capriolo, cervo, cornacchia nera, cornacchia grigia, gazza, volpe, minilepre.... anche uscendo dal proprio comune di residenza nei A.T.C / C.A. dove si è ritirato il tesserino (fatto questo che determina e certifica la residenza venatoria), o nell'azienda Azienda Faunistica dove si ha ammissione. Naturalmente chi ha ritirato il tesserino altrove può ad esempio cacciare in squadra se si trova in battuta nel territorio del comune di sua normale residenza come già disposto dalle norme tutt'ora vigenti in area arancione. La disposizione, come sopra, ha immediata efficacia.

Lettera Caccia 2 signed page 0001

Lettera aperta al Presidente Regione Piemonte Dott. Alberto Cirio.

 

 lettera aperta Cirio 7 novembre 2020 page 0001

comunicato 28 novembre 2020 page 0001

 comunicato 26 novembre

comunicato 20 novembre

comunicato 16 novembre page 0001

lettera Regione 16 novembre 2020

comunicato 15 novembre 2020

comunicato 5 novembre

0001
comunicato 23 ottobre 2020
 
 comunicato 2 ottobre 2020
comunicato 28 settembre 2020
comunicato 18 settembre 2020
comunicato11 settembre
comunicato 28 agosto 2020
 
 
 
Aggiornamento riassuntivo porto armi in scadenza tra il 31 gennaio 2020 e il 31 luglio 2020.
Come da precedente comunicazione i sopra citati porto armi uso caccia sono stati prorogati come licenza a tutto il 13 gennaio 2021.
Si rende noto che la validità del libretto del porto armi come documento di riconoscimento è stata aggiornata a non più al 31 agosto come in precedenza comunicato, ma fissata al 31 dicembre 2020.
Permane quindi una difformità nelle scadenze di validità tra le due parti di libretto e licenza che compongono il porto armi, ma in buona sostanza quelli indicati rimangono validi se accompagnati da ulteriore doc di identità valido nel periodo che intercorre dopo il 31 dicembre 2020 sino alla data del 13 gennaio 2021.
Ufficio Stampa Federcaccia Piemonte.
.........................................................................................................................................................
 

In attesa che il TAR ponga chiarimento e posizione sulla vicenda ripresa da La Stampa , alcune considerazioni generali sull'argomento.

https://www.lastampa.it/…/la-caccia-al-cinghiale-spacca-il-…

articolo tutor page 0001

 

comunicato 1 luglio 2020

Ufficio Stampa FIdC Piemonte

Come in precedente comunicato preavvisato, la Regione ha disposto il riavvio della Caccia di Selezione nel rispetto della vigente normativa in tema di contenimento covid-19, in particolare,senza il contatto diretto fra le persone e mantenendo il distanziamento sociale.

Nello specifico ha autorizzato la Selezione al Cinghiale a partire dal 16 maggio 2020, rinviando a successiva deliberazione l’approvazione del calendario venatorio generale 2020-2021.

Per Capriolo e altre specie si dovranno attendere i necessari successivi atti autorizzativi e relativi piani di prelievo.

Viene altresì prorogato il termine finale di presentazione delle domande di nuova ammissione o di ulteriore ammissione a ATC e CA al 30 giugno 2020.

comunicato 15 maggio 2020 page 0001

Torino 14 maggio 2020

Alle sedi provinciali FIdC Piemonte.

p.c. Associati mezzo web e social ufficiali:

web http://www.federcacciapiemonte.it https://www.facebook.com/federazionedellacacciaregionepiemonte/

https://www.facebook.com/groups/federazionedellacacciaregionepiemonte/

https://twitter.com/PiemonteRegione

Per opportuna conoscenza e informazione una analisi semplificata delle attuali disposizioni al momento consolidate.


- Con una nota esplicativa di inizio mese la Regione Piemonte ha confermato che le attività di Addestramento Cani nelle Aree Autorizzate a le attività di Censimento di Fauna Selvatica all'interno del territorio regionale sono consentite. Questa è stata una conseguenza della scadenza di efficacia del precedente DPCM Ministeriale a partire dalla data del 4 corrente mese, a cui la Regione non ha posto limitazioni consentendo di fatto tali attività. Ora, con determinazione dirigenziale del 7 maggio
https://confagriasti.it/…/20…/05/DD-A17-256-del-7.5.2020.pdf , la stessa Regione ha formalizzato con una determina dirigenziale la revoca delle precedenti disposizioni regionali poste a suo tempo a blocco di Addestramento Cani, Censimenti e Caccia di Selezione. Quest'ultima, per essere riattivata, dovrà attendere un successivo provvedimento della Giunta regionale ai sensi dell’articolo 13 della legge regionale 5/2018 come specificato nella determina sopra citata che, salvo avverso andamento della pandemia nel territorio regionale, potrà nel breve prossimo periodo essere emanato e consentire così l'avvio della stagione venatoria 2020/2021. Ricordiamo che le conferme di ammissioni ad ambiti e comprensori sono scadute al 30 aprile, ma si potrà come sempre produrre domanda di nuova e/o di ulteriore ammissione entro il termine perentorio del 15 maggio corrispondendo lo stesso importo fissato inizialmente, previa successiva accettazione della stessa da parte dei comitati di gestione secondo vigente normativa. Successivamente, ancora per accedere all'attività, è possibile inoltrare domanda di ammissione come Stagionale secondo le disposizioni e importi determinati dai singoli A.T.C e C.A. Va tenuto presente che quest'ultima forma non prevede la riconferma automatica di ammissione alla successiva stagione. I porto armi in scadenza tra il 31 gennaio 2020 e il 31 luglio 2020, conservano la loro validità fino a fine ottobre corrente anno. Si informa altresì che ogni atto utile di carattere tecnico e legislativo per il ripristino dell'attività venatoria compatibilmente le limitazioni Covid-19, è stato prodotto e trasmesso da FIdC Piemonte ai competenti uffici Regionali. Come caratteristica e inderogabile qualità della Ns. Associazione , invitiamo l'intera struttura associativa di dare massima diffusione locale a queste info per fornire a TUTTI le corrette conoscenze e aggiornamenti loro dovuti.

Ufficio Stampa Federcaccia Piemonte

comunicato 14 maggio 2020 page 0001

Torino li, 18 aprile 2020

Riceviamo e leggiamo nei social commenti e richieste di intervento miranti ad ottenere una ulteriore proroga dei pagamenti delle quote di ammissione ai rispettivi A.T.C e CA.

Se pur vero che simile iniziativa sia risultata necessaria e quindi supportata da Federcaccia Piemonte nella ormai precedente prima fase di sviluppo della pandemia in atto, ora crediamo necessario e prioritario concentrare i propri sforzi per riattivare il settore se pur in regime dei vincoli sanitari causati e dovuti da Covid-19.

Se in precedenza era necessario dare modo di affrontare urgenze di carattere amministrativo, di vedere assestate in parte le difficoltà di regime funzionali del vivere sociale, ora consideriamo vitale un ripristino dell'attività se pur in regime condizionato in presenza della pandemia in atto.

Riteniamo che ciò sia possibile adottando provvedimenti e precauzioni sanitarie sia nel disbrigo delle procedure amministrative dovute, sia per quanto le modalità pratiche di esercizio stesse della Caccia.

Riteniamo altresì di dare massima priorità all'azione di ripristino dell'attività per evitare un suo pericoloso collasso, e quindi a cascata pesanti e difficilmente reversibili ripercussioni sull'intero sistema economico, organizzativo e di funzione ambientale che ruota attorno ad esso.

Riteniamo altresì importantissimo superare psicologicamente le difficoltà in essere, se pur condizionando ma non annullando per quanto possibile il nostro modo di vivere e la nostra passione.

Ufficio Stampa FIdC Piemonte

comunicato 18 prile 2020

Torino li,  19 marzo 2020

Alcuni giorni fa il Tavolo “Animali e ambiente”, costituito da varie associazioni che hanno come propria finalità l’abolizione della caccia (LAC, LAV, ENPA e altre), ha dichiarato sul proprio sito e informato la politica Regionale circa la propria contrarietà alla proposta di modifica della legge sulla caccia piemontese, con particolare riferimento alla parte in cui equipara la Regione Piemonte alle altre regioni italiane, riammettendo alla caccia 15 specie che il precedente governo regionale aveva escluso addirittura per legge. Un diritto, quello dei cacciatori piemontesi, calpestato da decenni, che oggi può finalmente essere riconosciuto, portando con sé tutti i vantaggi del coinvolgimento dei cacciatori nelle attività di monitoraggio e conservazione ambientale. Non ci sorprende ovviamente la posizione del Tavolo, costituito da sigle ideologicamente anticaccia, ma ci ha sconcertato invece quanto prodotto dal Gruppo Piemontese Studi Ornitologici (GPSO), insieme all’Associazione Naturalistica Piemontese (ANP), che hanno pubblicato sul sito GPSO (per chi volesse leggerlo http://www.gpso.it/2020/03/documento-di-gpso-e-anp-su-modifiche-proposte-alla-l-r-19-giungno-2018-n-5-tutela-della-fauna-e-gestione-faunistico-venatoria/) un documento in cui si dichiarano contrari alla riforma legislativa di equiparazione del Piemonte alle altre regioni italiane. Questo documento, piuttosto povero in relazione al numero di specie trattate, analizza con criteri sorprendentemente impropri e con numerose omissioni, lo stato delle specie oggetto della modifica. Federcaccia Piemonte pubblica oggi le risposte tecniche dell’Ufficio Studi e Ricerche Faunistiche e Agro Ambientali di Federcaccia Nazionale, da pochi giorni inviate a tutti i Consiglieri Regionali Piemontesi. I documenti sono due, uno di analisi del documento GPSO-ANP, e l’altro di esposizione delle fonti internazionali e nazionali sullo stato delle specie, con relativa bibliografia citata. Federcaccia Piemonte, insieme agli Uffici Nazionali, supporterà con numeri, fonti scientifiche e classificazioni ufficiali il diritto dei cacciatori piemontesi a prelevare le stesse specie cacciabili nel resto d’Italia.

Federcaccia Piemonte

Documenti prodotti con la collaborazione  di

Studi e Ricerche Faunistiche e Agro Ambientali
Federazione Italiana della Caccia

cliccare sui successivi link per visualizzare i PDF dei documenti prodotti.

OSSERVAZIONI AL DOCUMENTO REDATTO DA GPSO E ANP SULLA MODIFICA DI LEGGE SULLA CACCIA DELLA REGIONE PIEMONTE

OSSERVAZIONI AL DOCUMENTO REDATTO DA GPSO E ANP SULLA MODIFICA DI LEGGE SULLA CACCIA DELLA REGIONE PIEMONTE ANALISI PER SPECIE 

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 

 

 Torino li,  14 marzo 2020

comunicato 14 marzo 2020

Torino li,  13 marzo 2020

comunicato del 13 marzo 2020 1

 

 

Torino li,  12 marzo 2020

 

comunicato 12 marzo 2020

Torino li, 22 febbraio 2020

 

comunicato 22 febbraio 2020 page 0001

Torino li, 31 gennaio 2020

comunicato stampa 31 gennaio 2020

Torino li, 17 dicembre 2019

comunicato stampa 17 dicembre 2019

 

 

Contatti

Via Mantova 21/d - 10153 Torino
+39 011 2482137
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Contatti stampa-media

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Contatto ufficio stampa
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
P. IVA 97524640014

I Nostri Social

    

Alcune Foto